Booking.com

Arsoli: Festa di primavera e sagra pizza fritta

Arsoli è un comune italiano con meno di 2000 abitanti, situato nella Città metropolitana di Roma , ad est del capoluogo. Questo piccolo comune, ricco di patrimoni architettonici, artistici e storici, ormai da anni ospita questo particolare evento: la Festa di primavera seguita dalla sagra della pizza fritta.

Quest’anno, in occasione del 25 aprile, si potranno rivivere la tradizione ed i sapori di un tempo, musiche e colori. Il programma della giornata prevede visite guidate gratuite al borgo medievale, al museo delle tradizioni musicali, Al centro di documentazioni delle arti e tradizioni e molti altri importanti siti. Le guide danno appuntamento alle ore 10,00 – 11,00 – 12, 00 – 14,30 e 15,30 per la formazione di gruppi presso il Museo delle Tradizioni Musicali in Corso San Bartolomeo, che resterà aperto per l’intera giornata.

Volantino Festa di primavera e sagra della pizza fritta ad Arsoli.

Volantino Festa di primavera e sagra della pizza fritta ad Arsoli.

PER PRANZO: Per pranzo si potranno assaporare piatti della tradizione contadina, preparati con ingredienti genuini e tipici. Il tutto avrà luogo in piazza Valeria. Dalle ore 12,00 in poi si svolgerà la “rassegna gastronomica di primavera” che proporrà:

  • “sagne” – pasta di farina di grano e acqua fatta a mano realizzando una sfoglia, molto maneggiata, leggermente spessa e tagliata della larghezza di un dito. E’ condita con sugo di pomodoro, aglio e olio;
  • “pizzigli co’ ll’erbe” – specie di pane schiacciato, ottenuto da un impasto di sola farina di grano, non lievitato, cotto al forno a legna, accompagnato da cicorie selvatiche o altre verdure “ripassate” in padella;

  • “saciccie” – salsiccie di suino di produzione locale, cotte alla brace;

  •  “pizza fritta roscia” – frittella realizzata con pasta lievitata cotta in olio bollente e condita con salsa di pomodoro, origano e altre spezie.

Alle ore 16,00 inizierà invece la “SAGRA DELLA PIZZAFRITTA” con la distribuzione del tipico “dolce”  realizzato con impasto non lievitato e ricoperto di zucchero.

Il tutto sarà accompagnato dalla musica dell’Orchestra Romana De Sopravvivenza. Un modo per trascorrere una giornata visitando un comune ricco di storia e con una tradizione culinaria notevole, tradizione che viene in parte riproposta dai piatti offerti dalla sagra.