Booking.com

Lo Zio Terry: Poesia bellissima per spiegare il terremoto ai bambini

Lo zio Terry,quando arriva,

non ci avvisa la mattina:

non ci fa una telefonata,

né una lettera raccomandata.

É uno zio un po’ birichino

che ci fa ballare un pochettino ,

ma se le regole noi seguiamo,

state certi che lo freghiamo:

sotto i banchi ci proteggiamo,

stiamo lì ed aspettiamo .

Poi al segnale opportuno,

calmi in fila ci mettiamo:

pian piano,tutti usciamo

insieme procediamo,

e al punto di raccolta ci rechiamo.

Niente strilli e senza spinte

perché il panico non serve a niente ,

poi l’appello aspettiamo

e lo zio Terry salutiamo.

Maestra Marta Messina