Booking.com

PASQUA VEGANA A ROMA

La Pasqua vegana a Roma si sta diffondendo molto rapidamente. Quest’anno infatti saranno in molti a festeggiare la Pasqua senza l’agnello. Persino in Parlamento si è discusso molto sulla questione. Quest’anno la Capitale offre varie scelte “cruelty free”. Ottima scelta per chi abbraccia la filosofia vegana e perchè no, anche per chi vuole festeggiare diversamente la Pasqua. La Comunità Veg italiana e romana hanno presentato delle iniziative a tutela degli agnelli, presentandole in Vaticano. Inoltre è stata creata una efficace rete per proporre pranzi e colazioni pasquali diversi dal solito e molto alternativi.

LOCALI VEGAN PER UNA PASQUA SENZA AGNELLO:

Alcuni locali della Capitale hanno appoggiato questa filosofia e tra questi troviamo il Ketumbar, un locale situato nel noto quartiere romano di Testaccio in via Galvani, che per il 4 aprile propone un “Happy Easter BIO Brunch, menù contenente piatti vegani e vegetariani.

Anche il SoWhat?!?, in via Ettore Giovenale offrirà per il pranzo di Pasqua un menù rigorosamente vegano.

Un altro locale famosissimo, forse il più famoso per quanto riguarda la cucina vegana è La Capra Campa, sito in Via Dignano D’Istria. Questo locale offrirà sia per sabato 4 aprile che domenica 5 aprile (Pasqua) un menù completamente vegano, dando anche la possibilità ordinare i pasti in forma “take away” per trascorrere o Pasqua o Pasquetta facendo una scampagnata o un pic nic nel pieno rispetto degli animali, in particolare degli agnelli.

 

images

PASQUA VEGANA A ROMA ANCHE SU FACEBOOK:

La comunità vegana è presente anche su social network, e su facebook si può trovare sotto la voce “Roma Vegan”, per ricevere maggiori informazioni, novità o iniziative. L’iniziativa più accesa rimane quella di questi giorni riguardante gli agnelli che nel periodo di Pasqua sono quasi sempre presenti nei menù.

Per chi volesse, sabato 4 aprile, dalle ore 10:30 in via Paliro Togliatti si terrà un incontro della Comunità Vegana, il quarto per l’esattezza. Incontri volti a sensibilizzare più persone possibili sulla tematica.

 

Fonti: – www.repubblica.it

– www.funweek.it

 

A cura di Marco Pasquali