Booking.com

Sanremo: la finale

[adssky] Sanremo è giunto al termine e a differenza degli altri anni sembra essere andato tutto bene. La solidarietà è spesso salita sul palco grazie alla presenza dei nastri arcobaleno, indossati da quasi tutti gli artisti. Fondamentali gli interventi di Renato Zero, Elton John, Ezio Bosso, Nicole Orlando che hanno sicuramente qualcosa da insegnarci! Un inaspettato Gabriel Garko valletto ha provocato reazioni positive ma anche sfatato un mito; l’attore sembra essersi impegnato oltremodo, lottando contro l’ansia, per pronunciare quelle frasi. Dolce e delicata Madalina Ghenea che, a parte per qualche scivolone con gli abiti, è stata una piacevole sorpresa. L’imitatrice per eccellenza Virginia Raffaele ha conferito una nota d’allegria a tutte le serate e meritati complimenti devono essere dedicati al conduttore Carlo Conti che con maestria è riuscito a gestire alcuni momenti di disagio.

E anche se se sono dette tante, l’unica e vera protagonista è stata la musica. Per la categoria campioni quella degli Stadio è stata una doppia vittoria, oltre ad aggiudicarsi il premio per la cover “La sera dei miracoli” di Lucio Dalla, hanno vinto il festival di Sanremo con la commovente canzone “Un giorno mi dirai”. L’esperienza e la tradizione hanno vinto sulla giovinezza e sulla freschezza dei ragazzi in gara, a quanto pare un pò sterili e ripetitivi. Tranne che per un testo denuncia di Rocco Hunt con “Wake up”, non abbiamo ascoltato nulla di innovativo o profondo.

Per quanto riguarda il girone degli “innocenti” giovani cantanti, i messaggi sono stati parecchi. Premio per la migliore canzone va a Francesco Gabbani che con la sua “Amen” canta brevemente cosa succede nella nostra società e cosa ci aspettiamo che accada, cioè dei miracoli. Anche la canzone “Negra” di Cecile  ha avuto un forte impatto sociale per l’argomento razzismo di cui si parla nella canzone.

I premi per la critica vanno invece a Patty Pravo con “Cieli Immensi” per gli old e a Chiara dello Iacovo con “Introverso” per le nuove proposte.

Chiara Masetta